Ci puoi trovare telefonicamente, tramite email o se proferisci sui Social. Siamo ovunque, manchi solo tu.
Contattaci ora +39 351 5285969
Via Mandas, 31
09044 Quartucciu, Cagliari
supporto@sardignaweb.it

Instagram Feed

This error message is only visible to WordPress admins

Error: No feed found.

Please go to the Instagram Feed settings page to create a feed.

Blog

Home  /  Marketing   /  Parlare del Futuro

Parlare del Futuro

Si non devi essere troppo vecchio per ricordare quando tutto ciò che è online veniva chiamato “cyber-questo” o “cyber-quello”. In effetti, la proliferazione di parole che accennavano al “cyberspazio” era così travolgente che nel 1998 il New York Times predisse che il “cyber” sarebbe presto uscito . Non era più bello.
In un certo senso, il giornale aveva ragione. Nessuno parla davvero di cyberspazio oggi e le ricerche sul web per il termine sono crollate negli ultimi 10 anni.
Ma frasi come “attacco informatico” o “crimine informatico” sono diventate più popolari negli ultimi anni. Curiosamente, il cyber è stato associato quasi esclusivamente a cose oscure, nefaste o minacciose.

Non dici “cercherò online”, dici “cercherò sul mio telefono”, perché quello è il dispositivo fisico di fronte a te
L’ascesa dello smartphone ha avuto un impatto anche sul modo in cui parliamo di attività su Internet, suggerisce Baron. Se qualcuno chiede al suo amico di trovare un ristorante nelle vicinanze, non si preoccupa dell’uso di Internet, ad esempio.
“Non dici ‘cercherò online’, dici ‘cercherò sul mio telefono’, perché quello è il dispositivo fisico di fronte a te”, dice.
“Penso che abbiamo eliminato la necessità di fare riferimento a qualcosa di diverso da ciò che abbiamo fisicamente di fronte a noi”.
Ovviamente, sostituiamo sempre di più anche il verbo “to google” con frasi che significano cercare informazioni online e diciamo cose come “Fammi chiedere a Google” – anche se Google non è lo strumento di ricerca che viene effettivamente utilizzato . Potresti anche aver sentito un amico dire “Ti chiamo Facebook” per significare che invierà un messaggio. Questo “verbo” dei nomi dei marchi non è nuovo – si pensi a “hoover” o “xerox” – ma certamente risuona con il tema comune: che queste tecnologie stanno diventando sempre più onnipresenti e familiari. In quanto tale, anche la lingua ad essi associata.

“Sento molto di più su ‘online’, ‘sono andato online’, non ‘sono andato su internet’. Credo che online in qualche modo abbia sostituito alcune delle prime locuzioni come “internet” e “cyber” perché è una semplice etichetta”.

Tendiamo a gravitare verso una terminologia che non è così tecnica o aliena. Certamente, la maggior parte delle persone che usano il web non conosce molto la programmazione o l’architettura di Internet, quindi il linguaggio che si riferisce direttamente a questo è meno popolare.
“Penso che sia parte del motivo per cui la nostra lingua sta cambiando”, dice, “perché non stiamo pensando a nulla in cui non vogliamo essere coinvolti”.
App come Siri e Google Now incoraggiano gli utenti a porre domande in modo naturale
Ci sono stati anche dei cambiamenti nel linguaggio che usiamo per interagire con il web stesso. App come Siri e Google Now incoraggiano gli utenti a porre domande in modo naturale. Invece di inserire un termine booleano come “sintomi influenza-febbre”, le persone comunemente digitano e pongono verbalmente domande come “quali sono i sintomi dell’influenza”. Le ricerche predittive di Google dimostrano che è così ed è probabile che Google voglia che comunichiamo con esso nel modo più naturale possibile, poiché in questo modo rinunciamo a molto di più su ciò che stiamo cercando e sul perché.
Perché queste tendenze decollano?
Questo significa che Internet ha accelerato il ritmo del cambiamento linguistico?

“Penso che ci siano due possibili opzioni per quello che sta succedendo qui”, dice. “Uno è che Internet sta davvero accelerando il modo in cui il linguaggio sta cambiando, l’altro è che lo fa sembrare più veloce perché tutte queste tendenze che sarebbero state effervescenti nel parlare ora hanno un’illusione di longevità nella scrittura”.
In altre parole, forse ora siamo solo più consapevoli di come il linguaggio venga costantemente rimodellato e rimodellato grazie al fatto che queste innovazioni vengono condivise in forma scritta online, per l’intero web (potenzialmente) da vedere.
I modi in cui parliamo di tecnologia – e come comunichiamo attraverso di essa – sono in continua evoluzione. Ma la storia dell’impatto di Internet sul linguaggio è anche molto chiaramente la storia di come l’abbiamo abbracciata, come abbiamo assimilato quella tecnologia nelle nostre vite.

Non ci sono commenti
Posta un commento